Lettera agli stakeholder

Il presente Codice etico (di seguito anche “Codice”) disciplina l’attività della società e tiene conto delle indicazioni di cui alle Linee Guida di Confindustria, nonché del Codice Etico della medesima Confederazione.

La visione strategica di Gruppo Sviluppo Tessile S.R.L. (“GST” o “Ente”) si basa su un profondo approccio valoriale maturato in oltre mezzo secolo di attività che sprona l’impresa ad assumere il ruolo di promotrice di comportamenti responsabili nei confronti della comunità e dello sviluppo del Paese nel rispetto delle aspettative delle generazioni attuali e future.

Il Codice, in tal senso, contiene l’indicazione di principi fondamentali ai quali si ritiene debbano conformarsi i comportamenti dei dipendenti, amministratori, soci, collaboratori, clienti e fornitori e in generale di tutti coloro che entrano in contatto con la nostra realtà aziendale (“Destinatari”), in maniera tale che i valori alla base della nostra cultura aziendale agiscano da vera bussola in ogni nostra scelta.

 

PREMESSA

GST gruppo tutto italiano leader nel segmento del fashion, è una realtà pugliese specializzata nella creazione, produzione e distribuzione di abbigliamenti uomo e donna. Il gruppo, riferimento nel menswear Made in Italy, aderisce alla federazione Sistema Moda Italia e opera oggi attraverso brand di proprietà (come Havana&Co e Angelo Toma) e licenze (come Ungaro Paris), sviluppando reti distributive nazionali e internazionali.

L’attenzione alla promozione di una condotta etica si è concretizzata, innanzitutto, nella costituzione e redazione del presente documento. Quest’ultimo, sottoposto all’approvazione dell’Assemblea dei Soci, è distribuito a tutti i dipendenti e messo a disposizione dei clienti, dei fornitori e degli altri soggetti terzi che interagiscono con l’Ente, anche tramite sistemi informatici o sito Web. 

 

PRINCIPI GENERALI E VALORI GUIDA

GST attribuisce valore assoluto all’osservanza di tutte le leggi e regolamenti che regolano la vita e le attività economiche e sociali e s’ispira costantemente a principi di: lealtà e correttezza, affidabilità e trasparenza, ripudio di ogni discriminazione, rispetto verso le persone, le organizzazioni, le istituzioni; tutela della salute, e sicurezza dei lavoratori; tutela dell’ambiente; tutela della concorrenza; protezione dei dati personali.

Tali principi, già declinati nell’azienda in varie iniziative, costituiscono la base per la definizione di una serie di condotte ritenute fondamentali, per cui l’Ente si impegna a rispettarli nei confronti di chiunque.

Al contempo, ritiene GST che tali principi debbano venire conosciuti e rispettati da tutti i Destinatari.

 

Lealtà e correttezza

GST persegue il proprio interesse sociale, ispirandosi e osservando i principi di correttezza, collaborazione, rigore professionale, lealtà e reciproco rispetto, impegnandosi altresì a non approfittare delle condizioni di ignoranza o di incapacità delle proprie controparti.

 

Affidabilità e trasparenza

GST informa in modo chiaro, adeguato e tempestivo sui risultati della gestione economico e finanziaria, nel rispetto delle disposizioni normative di riferimento. Si impegna ad una registrazione contabile adeguata delle operazioni del Gruppo, in modo da rendere verificabile il processo di decisione e svolgimento di dette operazioni, nonché, nella formulazione di eventuali contratti o comunque di regole disciplinanti rapporti con terzi, ad aver cura di specificare le relative clausole in modo chiaro e comprensibile.

 

Ripudio di ogni discriminazione: rispetto di persone, istituzioni e organizzazioni

Nel relazionarsi ai propri stakeholders (selezione dei clienti, assunzione, gestione e organizzazione del personale, selezione e gestione dei fornitori, rapporti con la comunità circostante e con le istituzioni che la rappresentano), GST ripudia ogni discriminazione in base all’età, al sesso, alla sessualità, allo stato di salute, alla razza, alla nazionalità, alle opinioni politiche ed alle credenze religiose dei suoi interlocutori.

 

Tutela della salute, della sicurezza dei lavoratori

GST agisce nei confronti dei propri dipendenti e collaboratori nel pieno rispetto delle disposizioni normative vigenti, promuovendo la prevenzione e la consapevolezza dei rischi nonché comportamenti responsabili da parte di tutto il personale.

 

Tutela dell’ambiente

L’attività di GST è orientata alla realizzazione dei valori di sostenibilità e responsabilità sociale. L’azienda nel perseguire la propria mission, raccoglie la sfida della sostenibilità, attraverso l’impegno alla individuazione e conseguente riduzione degli impatti negativi effettivi e potenziali che interessano o potrebbero interessare l’organizzazione, nonché attraverso l’individuazione e implementazione degli impatti effettivi e potenziali che potrebbero contribuire a uno sviluppo sostenibile.

 

Tutela della concorrenza

GST crede fermamente nella concorrenza e nel libero mercato. Il Gruppo, peraltro, intende promuovere e valorizzare il “made in Italy”: tale caratteristica pertanto potrà essere considerata con particolare favore nell’ambito dei rapporti con essa intercorrenti.

 

Protezione dei dati personali

GST si impegna a trattare nei limiti ed in conformità a quanto previsto dalla normativa vigente in materia di privacy i dati personali di clienti, collaboratori, dipendenti e di altri soggetti, persone sia fisiche, che giuridiche con cui intrattiene rapporti.

 

CRITERI DI CONDOTTA NEI RAPPORTI CON GLI STAKEHOLDER.

  1. Relazioni con i clienti

Le relazioni con i clienti, siano soggetti pubblici o privati, sono improntate alla piena soddisfazione delle loro esigenze con l’obiettivo di creare un solido rapporto ispirato ai principi di correttezza, onestà, efficienza e professionalità. Ritiene GST che la soddisfazione dei clienti sia perseguibile, tra le altre cose, investendo in: (i) prodotti di qualità e convenienti; (ii) trasmissione di giuste informazioni, così che ogni persona possa compiere scelte libere e responsabili; (iii) segnalazione dei prodotti che, per composizione e per caratteristiche dell’imballaggio, sono più rispettosi dell’ambiente.

 

  1. Relazione con i fornitori
  2. La scelta del fornitore

La scelta dei fornitori e dei consulenti esterni è ispirata a criteri di competenza, economicità, trasparenza e correttezza.

La selezione dei fornitori e la determinazione delle condizioni d’acquisto sono basate su una valutazione obiettiva della qualità e del prezzo del bene o servizio, nonché delle garanzie di assistenza e di tempestività, fermo restando gli eventuali criteri di valutazione privilegiata preventivamente individuati.

GST si riserva in ogni caso di richiedere ai fornitori l’attestazione dei seguenti requisiti: (i) disponibilità (opportunamente documentata) di mezzi, anche finanziari, strutture organizzative, capacità e risorse progettuali, know-how, etc.; (ii) esistenza ed effettiva attuazione, nei casi in cui le specifiche di Ente lo prevedano, di sistemi di qualità aziendali adeguati; (iii) eventuali certificazioni previste da norme di legge o regolamentari; (iv) eventuali ulteriori certificazioni o dimostrazioni necessarie o opportune nella gestione del rapporto.

  1. Tutela degli aspetti etici nelle forniture

Nella prospettiva di conformare l’attività di approvvigionamento ai principi etici adottati, GST potrà introdurre, per particolari forniture e se ritenuto necessario, alcuni requisiti di tipo sociale. A tale fine, nei contratti con i fornitori possono essere inserite clausole contrattuali che prevedono: (i) un’autocertificazione da parte del fornitore, in merito all’adesione a specifici obblighi sociali (come, ad esempio: l’adozione di misure che garantiscono ai lavoratori il rispetto dei diritti fondamentali, i principi di parità del trattamento e di non discriminazione, la tutela del lavoro minorile); (ii) la possibilità per Ente di porre in essere azioni di controllo, presso le unità produttive o le sedi operative dell’impresa fornitrice, al fine di verificare il soddisfacimento di tali requisiti.

 

  1. Rapporti con le Pubbliche Amministrazioni

GST riconosce l’opportunità di sostenere programmi di enti pubblici intesi a realizzare utilità e benefici per la collettività, nonché le attività di fondazioni ed associazioni, sempre nel rispetto delle normative vigenti e dei principi del Codice.

GST conduce i rapporti con la Pubblica Amministrazione con la massima trasparenza ed eticità di comportamento: tali rapporti, che devono avvenire nel rispetto della normativa vigente, sono informati ai principi generali di correttezza e di lealtà, in modo da non compromettere l’integrità di entrambe le parti.

Il personale di GST deve astenersi da qualsiasi comportamento che possa ledere l’imparzialità e l’autonomia di giudizio della Pubblica Amministrazione. Particolari cautele devono essere osservate nelle operazioni relative a eventuali procedure di gara, contratti, autorizzazioni, concessioni, licenze, richieste di finanziamenti di provenienza pubblica (statale o comunitaria).

Nel caso in cui l’Ente abbia la necessità di avvalersi di prestazioni professionali di dipendenti della Pubblica Amministrazione, in qualità di consulenti, deve essere rispettata la normativa vigente. Nell’ambito dei rapporti con tali soggetti i Destinatari del Codice si astengono dall’offrire, anche per interposta persona, denaro o altra utilità al funzionario pubblico coinvolto, ai suoi familiari o a soggetti in qualunque modo allo stesso collegati e dal ricercare o instaurare relazioni personali di favore, influenza, ingerenza con l’obiettivo di condizionarne, direttamente o indirettamente, l’attività.

 

  1. Rapporti con la collettività (partiti, organizzazioni sindacali ed associazioni).

GST non eroga contributi, diretti o indiretti, sotto qualsiasi forma, a partiti, movimenti, comitati e organizzazioni politiche e sindacali, a loro rappresentanti e candidati, tranne quelli previsti da normative specifiche. È tuttavia possibile cooperare, anche finanziariamente, con tali organizzazioni per specifici progetti, nel rispetto delle seguenti condizioni: (i) destinazione chiara e documentata delle risorse (ii) espressa autorizzazione da parte delle funzioni preposte, nell’ambito dell’Ente.

 

  1. Rapporti con il personale
  2. Valore delle persone

GST riconosce, tutela e promuove il valore delle risorse umane quale elemento fondamentale del proprio successo.

L’Ente opera in ossequio ai principi di tutela dei diritti, dell’integrità fisica, culturale e morale della persona e della sua dimensione di relazione con gli altri, e riconosce e promuove lo sviluppo del proprio patrimonio intellettuale favorendo un ambiente e delle condizioni lavorative improntati alla valorizzazione delle competenze.

La selezione, valutazione e valorizzazione dei dipendenti e dei collaboratori è svolta in conformità alle procedure interne, alla luce delle esigenze aziendali e riconoscendo pari opportunità.

È garantito il diritto a condizioni di lavoro rispettose della dignità della persona. A tal fine, nelle relazioni di lavoro interne ed esterne non deve darsi luogo ad atti di violenza psicologica o fisica, ovvero atteggiamenti o comportamenti discriminatori o lesivi della persona, delle sue convinzioni, credenze o preferenze.

GST condanna fermamente ogni forma di discriminazioni basate sulla razza, colore, sesso, età, religione, condizione fisica, stato civile, orientamenti sessuali, cittadinanza, origine etnica o qualunque altra discriminazione contraria alla legge. Nelle relazioni di lavoro interne ed esterne le persone devono astenersi dal commettere molestie, quali la creazione di un ambiente di lavoro intimidatorio od ostile. Non sarà attuata né sarà tollerata, all’interno del Gruppo, alcuna forma di ritorsione nei confronti dei Destinatari che abbiano lamentato episodi di discriminazione o di molestia, né nei confronti dei Destinatari che abbiano fornito notizie in merito.

GST si avvale esclusivamente di personale impiegato in conformità alle tipologie contrattuali previste dalla normativa e dai contratti collettivi nazionali di lavoro applicabili.

 

  1. Doveri del personale

Le persone devono agire lealmente, al fine di rispettare gli obblighi sottoscritti nel contratto di lavoro e quanto previsto dal Codice, assicurando le prestazioni richieste.

Le persone devono conoscere ed attuare quanto previsto dalle politiche aziendali, in tema di sicurezza delle informazioni, per garantirne l’integrità, la riservatezza e la disponibilità. Esse sono tenute ad elaborare i propri

documenti utilizzando un linguaggio chiaro, oggettivo ed esaustivo, consentendo le eventuali verifiche da parte

di colleghi, responsabili o soggetti esterni autorizzati a farne richiesta.

Informazioni e know-how aziendali devono essere tutelati con la massima riservatezza.

Le persone non espressamente autorizzate a rispondere a quesiti o a fornire materiali richiesti dagli interlocutori

interni o esterni all’Ente, sono tenute a consultarsi con i referenti e ad uniformarsi alle istruzioni impartite in merito.

Laddove sia necessario trattare argomenti rilevanti, riservati o di natura economica, si avrà cura di adottare le misure necessarie affinché sia salvaguardata la riservatezza, secondo la natura degli elementi trattati.

Sia durante, che dopo lo scioglimento del rapporto d’impiego con GST, le persone potranno utilizzare i dati riservati in loro possesso esclusivamente nell’interesse della Società e mai a beneficio proprio o di terzi.

Il personale dell’Ente è tenuto ad astenersi dall’impiego di mezzi illeciti, al fine di acquisire informazioni riservate su imprese ed enti terzi. Coloro che, nel quadro di un rapporto contrattuale, venissero a conoscenza di informazioni riservate su altri soggetti saranno tenuti a farne esclusivamente l’uso previsto nel rapporto in essere.

Il personale di GST è tenuto ad evitare situazioni in cui si possono verificare conflitti di interessi, nonché ad astenersi dall’avvantaggiarsi personalmente di opportunità di affari, di cui è venuta a conoscenza in occasione dello svolgimento delle proprie funzioni.

Nell’ipotesi in cui si manifesti anche solo l’apparenza di un conflitto di interessi, la persona è tenuta a darne tempestiva comunicazione al proprio referente o alla Direzione Aziendale.

Al personale dell’Ente è imposto il divieto di accettare o ricevere qualunque dono, gratifica o altro omaggio che possa influire sulle azioni da intraprendere, nello svolgimento delle loro mansioni lavorative.

Quanto sopra non può essere eluso ricorrendo a terzi. Restano consentiti gli omaggi di modico valore (es. gli omaggi natalizi). Il personale di GST che riceve omaggi o benefici diversi da quelli che rientrano nelle fattispecie consentite, sono tenuti a darne comunicazione ai referenti, al fine delle necessarie azioni da intraprendere, anche in merito alle comunicazioni a terzi sulla politica aziendale.

Ogni persona è chiamata ad operare con diligenza per tutelare i beni aziendali, attraverso comportamenti responsabili ed in linea con le procedure operative predisposte per regolamentarne l’utilizzo, documentando

con precisione il loro impiego.

La Società rifiuta processi ed attività antisociali e criminali e dichiara la sua ferma intenzione di non avere alcuna parte in tali fenomeni.

Al personale della Società è fatto divieto di intrattenere rapporti di alcun genere con organizzazioni ed elementi coinvolti in attività antisociali e criminali, che minacciano la società o la vita dei cittadini.

Di fronte a domande estorsive, da parte di soggetti antisociali e criminali, le persone rifiutano ogni compromesso e si astengono da esborsi in denaro o altre prestazioni.

Nelle ipotesi in cui venissero in rilievo attività o richieste attinenti a quanto sopra il personale ne informerà immediatamente i propri referenti.

 

 

 

Procedure di controllo

Chiunque venga a conoscenza di una violazione del Codice, di una determinata legge o delle procedure aziendali, è tenuto a informare tempestivamente il proprio responsabile o referente e/o l’organo amministrativo, per iscritto ed in forma non anonima.

L’Ente adotta accorgimenti idonei a tutelare i segnalatori da qualsiasi tipo di ritorsione.

La responsabilità di indagare su possibili infrazioni del Codice spetta all’organo amministrativo che potrà eventualmente ascoltare l’autore della segnalazione, nonché il responsabile della presunta violazione.

In esito a tale attività, verranno segnalati alla funzione preposta quei comportamenti che motivino l’applicazione di eventuali sanzioni disciplinari, o l’attivazione di meccanismi di tipo contrattuale.

La violazione delle norme del Codice porta alle sanzioni disciplinari previste dal vigente CCNL di settore, nonché, secondo la gravità, ad eventuali azioni legali, civili o penali.

 

Disposizioni finali

Il presente Codice viene approvato dal Consiglio di Amministrazione della Società e verrà adeguatamente aggiornato. Ogni variazione e/o integrazione del Codice sarà approvata dal Consiglio di Amministrazione e diffusa tempestivamente ai Destinatari.